Ora Esatta

Menu principale

Home
Documentazione
Notizie
News fino agosto 2009
Utility

Login Form

Utilizzare quest'area per farsi riconoscere dal sistema





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati

Iscrizione Newsletter

Iscriviti alle nostre newsletters
Pagina di copertina


Ricevi HTML?

Sondaggio

Conosci il MOBBING GENITORIALE?
 
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
Home

Cosa è il nostro "Centro Studi"?

Il "Centro Studi" è formato da colleghi psicologi e medici uniti tra loro da un solo vincolo culturale e di colleganza professionale, e -fatto determinante- non uniti da alcun aspetto associativo formalizzatoQuello che ci unisce sono solo "conoscenze" da condividere e un'Etica con cui utilizzarle.

 

Le nostre aree di intervento sono:

- Assistenza, Consulenza, Terapia in corso di Mobbing Genitoriale;
 
- Assistenza, Consulenza, Terapia in corso di c.d. Sindrome di Alienazione Genitoriale;
 
- Partecipazione come Consulenti di Parte in corso di CTU per procedimenti di affido minori, problemi di potestà genitoriale, procedimenti penali emersi in corso di conflittualità da separazione e/o di Mobbing Genitoriale;
 
- Assistenza, Consulenza, stesura di Pareri Pro Veritate e/o consulenze Psichiatrico-Forensi e Medico Legali in corso di:
a) problematiche con i Servizi Sociali (in corso ad es. di "incontri protetti", "relazioni" degli stessi ai TdM, ecc.);
b) procedimenti dei Tribunali dei Minori in tema di rapporti familiari e/o esercizio della potestà genitoriale
 
- Consulenze Medico-Legali in caso di Danno Biologico da Malpratica Professionale dei Servizi Sociali e/o da Privazione dell'esercizio della Genitorialità

 

Dove trovarci:
 § - A Roma, in Piazza dei Re di Roma 3. Per appuntamento: 067017455 - 393.33.20.419
§ - A Milano, in Via Cimarosa n 13- – tel./fax. 02.39400897 - cell.3472583764
§ - A Reggio Emilia: via Che Guevara n 55 - tel. 347.2583764
Ricordiamo che il Centro e l'Osservatorio non offrono direttamente Consulenze Legali (siamo in collegamento con legali di nostra fiducia).
CONSULTA ANCHE IL NOSTRO BLOG (
CLICCA QUA ) E IL NOSTRO CANALE SU YOU TUBE (CLICCA QUA )
 
 

Nel caso vogliate consultare l'Osservatorio Permanente contro gli Abusi Peritali  (in campo psicoforense), chiamate gli stessi numeri o inviate una e-mail a: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 


LE ULTIME DEL SITO

Le News in pillole

Il convegno (dell'AIPG) è davvero uno specchio. Tragico
Valutazione utente: / 1
mercoledì 26 settembre 2012
57194192convegno.jpg
...Un Convegno che vuole consapevolmente ignorare che non esiste solo il lato oscuro della genitorialità ma anche, e forse è anche più importante, il lato oscuro del professionista -e del sistema- che si occupano del genitore.

Un  convegno, insomma, che è un vero specchio.

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Il nonno non entra nel condiviso
Valutazione utente: / 0
venerdì 30 dicembre 2011
nonni.jpg

Nel 2002 una donna e un uomo, genitori di due minori, decidono di separarsi avanzando al Tribunale di Roma reciproche richieste di addebito.
Nel procedimento si inserisce, con un ricorso, anche il nonno paterno dichiarando non solo la propria disponibilità ad ottenere in affidamento i due nipoti, ma nello stesso tempo, chiedendo una precisa regolamentazione degli incontri futuri con i minori.

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Costituito l'Osservatorio Permanente contro gli Abusi Peritali
Valutazione utente: / 3
domenica 04 dicembre 2011

perizie.jpgA cura del Centro Studi Separazioni e Affido Minori, è stato costituito -con sedi a Roma, Milano, Reggio Emilia- l'Osservatorio Permanente contro gli Abusi Peritali in campo psico-forense.

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
La "Sindrome di Alienazione Culturale": un nuovo disagio? Una proposta del dr. G. Benedetti
Valutazione utente: / 3
sabato 26 febbraio 2011

Il dr. dr Gianmaria Benedetti è medico, neuropsichiatra infantile, psichiatra, psicoterapeuta-
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze, e all'Albo degli Psicoterapeuti dello stesso Ordine, esercita a FIRENZE, al Servizio di Salute Mentale Infanzia e Adolescenza, come Dirigente Medico primo livello. Svolge attività professionale Intramoenia ed è CTU del Tribunale di Firenze.
In questo articolo, pubblicato sul Portale di neuropsichiatria infantile, psichiatria e psicoterapia da lui diretto (clicca qui per vederlo) , affronta un tema emergente in molte famiglie di provenienza culturale diversa da quella in cui si sono inserite (nello specifico, in territorio italiano).
In questi casi, non è ormai difficile scorgere l'emergere, anche esplisivo, di una nuova forma di disagio e scompenso adolescenziale, che l'Autore, per similitudine dichiarata con la Sindrome di Alienazione Genitoriale, chiama Sindrome di Alienazione Culturale.

Aslam Mahmood, la madre di Almas la ragazzina pakistana rapita a Fano. Il padre della ragazza, Akatar Mahmood, tuttora agli arresti domiciliari, è stato condannato dal gip di Pesaro a due anni e quattro mesi di reclusione mentre la madre, Nabeela Aslam, ha avuto due anni ma la pena è stata sospesa.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Aslam Mahmood, la madre di Almas la ragazzina pakistana rapita a Fano e di cui tratta il caso affrontato dal dr. G. Benedetti. Ora il padre della ragazza, Akatar Mahmood, tuttora agli arresti domiciliari, è stato condannato dal gip di Pesaro a due anni e quattro mesi di reclusione mentre la madre, Nabeela Aslam, ha avuto due anni ma la pena è stata sospesa.

 

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
LA SINDROME DI ALIENAZIONE GENITORIALE E LE PROBLEMATICHE SEPARATIVE
Valutazione utente: / 12
martedì 02 novembre 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LA SINDROME DI ALIENAZIONE GENITORIALE E LE

PROBLEMATICHE SEPARATIVE

Su Psychomedia.it, nell'Area "Disagio Familiare, Separazione e Affido dei Minori" è comparso un nuovo articolo sulla Alienazione Genitoriale, che si aggiunge ai già presenti sul tema in detta area (clicca qui per andare all'Area in questione). 

L'articolo, del quale vi diamo qui le prime sette pagine, si intitola "LA SINDROME DI ALIENAZIONE GENITORIALE E LE PROBLEMATICHE SEPARATIVE"  

 

"LA SINDROME DI ALIENAZIONE GENITORIALE E LE PROBLEMATICHE SEPARATIVE"

-Gaetano GIORDANO

Medico-chirurgo,specialista in Medicina Legale e delle Assicurazioni, Psicoterapeuta,Presidente del Centro Studi Separazioni e Affido Minori


-Vittorio VEZZETTI

Medico-chirurgo,specialista in Pediatria, ResponsabileScientifico dell'Associazione Nazionale Familiaristi Italiani, Responsabile Scientifico dell'Associazione ADIANTUM.


La Sindrome di Alienazione Genitoriale (Parental Alienation Syndrome oPas) viene definita da colui che la individuò come una sindrome(cioe’ una associazione di segni e sintomi). Una sindrome di cui,in fondo, si era avuta da sempre la più che impalpabile percezione specie, ma non solo, nelle cause di affidamento.

Fu nel 1985 che Richard Gardner-1-, neuropsichiatra infantile e psicanalista statunitense (FOTO) la categorizzò formalmente.

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
"Finché lite non vi separi" - Rainews
Valutazione utente: / 2
martedì 21 settembre 2010

Finché lite non vi separi, parte prima.

Dal nostro canale su You Tube.

Segui il resto della trasmissione cliccando qua . 

 

Raccomanda questo articolo...

 
A MATRIX, UNA SERA, DISCETTANDO DEL + E DEL - (MA CHI E' IL MENO?)
Valutazione utente: / 0
giovedì 16 settembre 2010
A MATRIX, UNA SERA, DISCETTANDO DEL + E DEL - (MA CHI E' IL MENO?)

Raccomanda questo articolo...

 
LA FOLLIA DEL SISTEMA VA AL GALOPPO
Valutazione utente: / 2
domenica 05 settembre 2010

La tragedia dei piccoli Sara e Davide Galoppo, uccisi dal proprio padre Saverio nel corso di una violenta conflittualità coniugale per il "possesso" dei bambini, e sviluppatasi nell'ambito di un episodio ben preciso e identificabile (si era nell'agosto 2003), aprì una riflessione che fu condensata in un importante articolo, a tutt'oggi citato in molti siti e tesi di laurea, scritto da G. Giordano.

Per leggere il testo, cliccare qui sotto 

 

CLICCA QUI PER SCARICARE IL PDF

Raccomanda questo articolo...

 
La PAS? Una forma di pedofilia affettiva. E chi la nega opera come un pedofilo
Valutazione utente: / 19
martedì 27 luglio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il meccanismo perverso che avvicina il genitore “alienante” all'adulto pedofilo e abusante è la seduzione del bambino, portato a desiderare qualcosa di innaturale per potersi sentire “grande” e “accettato” dal genitore alienante. 

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Paolo Mombelli - “Il sentiero delle acque dolci- autobiografia di un’individuazione maschile”
Valutazione utente: / 8
venerdì 11 giugno 2010

 

Il nuovo libro di Paolo Mombelli, psichiatra e psicologo-analista:

“Il sentiero delle acque dolci- autobiografia di un’individuazione maschile”

 

mombelli.jpg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

INTRODUZIONE 

Nella vita di ciascuno di noi è utile, prima o poi, fermarsi a riflettere. Recuperare i ricordi alla memoria, restituire una direzione e un senso ai propri anni trascorsi. 

Rivedere il dolore per trarne forza, riprendere tra le mani le gioie per goderne un attimo ancora e poi lasciarle volare via. La vita dona perché è essa stessa un dono colmo di novità e di sorprese, gradevoli e non. Nella vita di ciascuno di noi è utile, prima o poi, fermarsi a riflettere. Retrospettiva che mette a posto le cose, comprende, giustifica. A favore di una prospettiva, quello che verrà, il futuro.Per impedire che il tempo, lasciato senza uno sguardo, riproduca se stesso in una circolarità perversa di eterno ritorno all’identico.

Carl Gustav Jung, psichiatra e psicanalista svizzero e grande viaggiatore e studioso dei miti, dei riti e dei simboli dei popoli, raccontò che nei villaggi dei nativi americani del popolo Pueblos, ogni giorno, per l’intera durata della luce, un giovane guerriero seduto sulla roccia più alta guardava il sole. Facevano a turno, gli occhi non reggono a lungo la vista della stella, quando ci è così prossima. Incuriosito da tale comportamento, lo scienziato ne chiese al capo di un villaggio il motivo e la finalità. Il capo rispose che il sole sorge, ci illumina e ci riscalda, consente la vita sulla Terra, ma ha bisogno che noi glielo chiediamo. Il sole sorge tutti i giorni, e crea l’alba, perché sa che un uomo lo attende. E tramonta con la nostalgia di tornare il giorno dopo, perché non vuole deludere l’attesa di quell’uomo.

Mi sono arrampicato sulla roccia alta, quella che consente il panorama morbido. Non ho mai perso di vista la mia vita, affinchè la mia vita non perdesse di vista me.

Questo libro è la storia degli sguardi tra me e la mia vita. Forse, però, se leggete tra le righe, chiudete gli occhi e provate a sentire, può essere anche un tratto della strada di ciascuno di voi. In fondo gli uomini sono molto più simili tra loro di quanto siano diversi.

Per acquistarlo:

 

Raccomanda questo articolo...

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 20 di 423
Centro Studi Separazioni e Affido Minori