Ora Esatta

Menu principale

Home
Documentazione
Notizie
News fino agosto 2009
Utility

Login Form

Utilizzare quest'area per farsi riconoscere dal sistema





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
  • JoomlaWorks AJAX Header Rotator
Home arrow Documentazione arrow Informazione Scientifica arrow Area Psicologica arrow Violenza Domestica
Violenza Domestica


Donne, la violenza in casa ne uccide piu' del cancro PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
Violenza Domestica
giovedž 22 novembre 2007
violenza2.jpg

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Una criminologa italiana ci parla delle madri pericolose per i figli PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
Violenza Domestica
martedž 02 ottobre 2007

sindromemun.gifE' un articolo presentato al III Convegno di Criminologia Forense sui crimini in famiglia, l'unico relativo ai delitti commessi dalle madri

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Le madri picchiano piu' dei padri PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
Violenza Domestica
giovedž 20 settembre 2007

Leggi il contenuto (riservato a utenti registrati come Tutor o Professional)

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Immigrati e violenze nelle relazioni familiari PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
Violenza Domestica
mercoledž 19 settembre 2007

Dal Family Practice: medicina multiculturale e violenze domestiche

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Influenza degli abusi sessuali, fisici, e di altri fattori sui cambiamenti degli adolescenti PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
Violenza Domestica
mercoledž 12 settembre 2007

Continua la lettura (solo utenti registrati)

Raccomanda questo articolo...

 
Quando la mamma uccide PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
Violenza Domestica
giovedž 06 settembre 2007

Mamme folli o senza cuore?

Succede, molto raramente ma succede, che una madre possa uccidere il suo bambino, il fatto esce in cronaca e scatena una psicosi collettiva. Colpire un essere innocente e indifeso è già di per sé inaccettabile per la nostra civiltà, che poi a compiere il gesto sia la stessa madre, colei che per definizione dovrebbe invece prendersene cura, risulta anche totalmente incomprensibile. Per capire, allora, e soprattutto per allontanare il timore che a un omicidio così efferato possa di punto in bianco risolversi qualsiasi mamma, si ricorre immediatamente alla patologia psichiatrica. Medici, avvocati e giornalisti cominciano a scavare nella vita dell’omicida per scoprire il seme della follia, tutti convinti che una grave malattia mentale sia contemporaneamente causa, movente e attenuante di un simile gesto. 
Il binomio violenza/psicosi appare confortante per la coscienza del cittadino “normale” ma può rappresentare, per l’assassino un facile ricorso alla non punibilità, e per il malato un ingiusto pregiudizio di colpevolezza. La professoressa Isabella Merzagora Betsos, direttore della Scuola di Specializzazione di Criminologia Clinica, ci aiuterà in questa intervista a capire quale sia il limite che separa il raptus di follia dalla volontà di uccidere, e quale sia il legame tra normalità e consapevolezza delle proprie azioni.

 

Raccomanda questo articolo...

Leggi tutto...
 
Centro Studi Separazioni e Affido Minori